Palermo-Montecarlo: il racconto di Scricca, “I ragazzi hanno attaccato in tutte le condizioni meteo”

Montecarlo, Francia – Titoli di coda per la Palermo-Montecarlo, regata che anche quest’anno ha regalato condizioni meteo quanto mai varie.

Al vento leggero iniziale è seguito il forte nordest, fino a 35 nodi, con un mare molto impegnativo in avvicinamento alla Sardegna. Situazione che ha causato alcuni ritiri tra i quali il favorito della vigilia, l’X41 Extra1 di Massimo Barranco. Aria leggera e variabile nella fase iniziale dopo l’uscita dalle Bocche, seguita ancora da Nordest intenso nell’ultima parte di percorso.

Il Comet 38s Scricca in arrivo a Montecarlo

La vittoria nella classe più numerosa, ORC, che assegnava il Trofeo Angelo Randazzo e la vittoria generale della Palermo-Montecarlo, è andata al Comet 38s Scricca di Leonardo Servi, che bissa il successo della Giraglia e si candida molto seriamente, in attesa delle classifiche ufficiali, a un risultato importante anche nel Campionato Italiano Offshore. Alle sue spalle il Sun Fast 3600 Lunatika di Stefano Chiarotti, che correva in coppia con Giancarlo Pedote e si agiudica quindi anche la classifica X2. Terzo posto per lo Swan 42 BeWild di Grottesi.

“E’ stata una grande stagione per noi: dopo la vittoria della Giraglia questo nuovo successo è veramente una soddisfazione – dice l’armatore di Scricca Leonardo Servi -. Ringrazio tutto il gruppo, che è molto affiatato e regata insieme da tre stagioni: il navigatore Franco “Ciccio” Manzoli, Matteo Teglia, Ivan Scimonelli, Claudio Arborea, Giuseppe Filippis, Roberto Innamorato e Marco Attanasio”.